dicembre 23

MOSTRI SENZA TESTA 4-11 Dicembre 2016

Dal 4 all’11 dicembre, presso il Polo Giovani B55 di Vicenza, si è svolta la mostra fotografica “Mostri senza testa” organizzata dal circolo Legambiente Vicenza e da Italia nostra, insieme alle professoresse Maria Baldisserotto e Claudia Rancati, che ne hanno anche coordinato l’allestimento. Autori della mostra sono stati gli studenti che frequentano il quarto anno (sez. D) del Liceo Artistico Boscardin dell’indirizzo audiovisivo e multimediale. Tale iniziativa rientra all’interno di una convenzione stipulata tra Legambiente Vicenza e l’Istituto Boscardin per l’attività di alternanza scuola-lavoro.

Il tema della mostra è ruotato attorno al complesso edilizio di Borgo Berga. È stata sviluppata una riflessione sul suo impatto estetico. Il progetto esprime una forma di protesta su ciò che è diventato oggi: un ecomostro. I ragazzi si sono cimentati nella realizzazione di una serie di rielaborazioni fotografiche che rappresentano una sua distruzione utopica: dall’aquila che arriva in volo come sulla propria preda piuttosto che dal fuoco che lo brucia, passando attraverso la personificazione del concetto di rifiuto, fino ad arrivare al suo completo scioglimento. Seguendo questo link è possibile vedere le opere che sono state esposte all’interno della mostra fotografica:
http://www.anordestdiche.com/borgo-berga-mostro-edilizio-studenti-liceo-artistico/.

Il percorso espositivo terminava con un’installazione costituita da elementi diversi che hanno rappresentato un omaggio alla memoria storica (del cotonificio Rossi, che dalla fine del 1800 è stata parte importante dell’identità della città di Vicenza), alla natura e soprattutto all’imprescindibile necessità di averne cura.
Tutte le opere nascono da una riflessione che Legambiente Vicenza e Italia Nostra hanno cercato di stimolare nelle scuole, riguardo l’importanza del Paesaggio e alla tutela del patrimonio storico-artistico e culturale che offre la città di Vicenza e che spesso vengono messi in pericolo proprio dall’opera dell’uomo. In particolare si è cercato, attraverso nuove forme di comunicazione, di suscitare nuove emozioni e smuovere le coscienze sul tema Borgo Berga. Argomento di attualità di particolare importanza che coinvolge la nostra città da qualche anno, ma che negli ultimi mesi è ancora più sentito vista la concreta possibilità di perdere l’importante titolo di “Patrimonio dell’Umanità – UNESCO” che Vicenza possiede dal 1994.

Nel complesso l’esposizione ha visto una buona affluenza di visitatori, con un picco nel week-end. I ragazzi hanno dimostrato un forte entusiasmo nella partecipazione al progetto, è stata infatti un’importante occasione di crescita personale, di auto-sensibilizzazione e coinvolgimento nella vita culturale della propria città. Un’esperienza del tutto nuova che ha permesso loro di mettersi alla prova in uno speciale dialogo aperto con il pubblico.

Visto il successo dell’iniziativa, le associazioni organizzatrici e l’istituto Boscardin stanno progettando di portare la mostra in un “tour” per le scuole superiori della città, nel corso dei prossimi mesi.
I lavori dei ragazzi hanno suscitato l’entusiasmo delle associazioni che da sempre seguono il caso “Borgo Berga” e che hanno chiesto una copia delle opere per recapitarla al gruppo ICOMOS (International Council on Monuments and Sites) che si è riunito più volte a Vicenza nelle ultime settimane, per la realizzazione dell’HIA (Heritage Impact Assessment), necessaria per valutare la permanenza o meno del titolo di Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la città.

Share
Category: ABBATTIAMO GLI ABUSI!, Territorio e Suolo | Commenti disabilitati su MOSTRI SENZA TESTA 4-11 Dicembre 2016
dicembre 1

Inaugurazione mostra “Mostri senza testa” 04.12.16 @Polo B55

Il 4 dicembre, alle ore 10.30, presso il Polo Giovani B55 (contrà Barche 55, Vicenza), verrà inaugurata la mostra “MOSTRI SENZA TESTA“, organizzata da Legambiente Vicenza, in collaborazione con Italia Nostra: i ragazzi della quarta D Liceo artistico Boscardin, guidati dalla professoressa Claudia Rancati e con il coordinamento della professoressa Maria Baldisserotto, hanno rappresentato, ciascuno a proprio modo, l’impatto paesaggistico che l’imponente edificio ha determinato su uno scorcio della città, che dalla riviera Berica dà al centro storico.
Il progetto è diventato un’attività di alternanza scuola-lavoro che darà la possibilità agli studenti di mettere in atto pratiche didattiche innovative. Ogni pomeriggio, dalle 15 alle 19, gli alunni saranno impegnati come guide alla mostra. Le visite saranno aperte quindi tutti i pomeriggi e di domenica, anche la mattina, dalle 9 alle 13, fino all’11 dicembre. L’8 dicembre la mostra resterà chiusa.
Scarica il volantino della mostra

Share
Category: ABBATTIAMO GLI ABUSI!, Home | Commenti disabilitati su Inaugurazione mostra “Mostri senza testa” 04.12.16 @Polo B55
luglio 13

Abbattiamo gli abusi: fine della campagna di crowdfunding

thank youDomenica 10 luglio si è conclusa la campagna di crowdfunding realizzata da Legambiente Vicenza, Italia Nostra sezione di Vicenza e Comitato Contro gli Abusi Edilizi, dal titolo “ABBATTIAMO GLI ABUSI! Cosa pagheresti per vederlo sparire?”.

Abbiamo utilizzato uno strumento di finanziamento dal basso per poter affrontare le spese legali legate alla nostra battaglia contro l’ecomostro di Borgo Berga. La campagna è partita l’8 aprile in un periodo caldo per la vicenda, ed è durata 3 mesi. Grazie al sostegno di chi ha creduto nel nostro impegno abbiamo raccolto 2.962,57 euro, 1.019 dalla piattaforma (Produzioni dal Basso) che ci ha ospitato e il resto sul conto corrente che abbiamo aperto appositamente per l’occasione con Banca Etica.

A tal proposito specifichiamo che sarà ancora possibile fare una donazione con i seguenti dati:

IT62 F050 1811 8000 0000 0229 145
intestatario LEGAMBIENTE VOLONTARIATO VICENZA
causale      “DONAZIONE CAMPAGNA BORGO BERGA”

In queste 12 settimane ci siamo impegnati a diffondere quanto più possibile il link della pagina della campagna, ma abbiamo creato anche una pagina facebook e un sito dedicato all’iniziativa, che raccolgono anche notizie e aggiornamenti in generale sul caso.

Inoltre, abbiamo organizzato un simpatico concorso dal titolo “Fatti un selfie con il MOSTRO!”, con il quale abbiamo chiesto a tutti quelli che sentivano di voler esprimere il loro sdegno di farsi una foto con Borgo Berga sullo sfondo e con un’espressione sufficientemente schifata. Il concorso si è concluso il 17 giugno e le 3 foto migliori sono state premiate durante Festambiente.

Per noi infatti non era importante solo raccogliere fondi, ma anche creare una risonanza mediatica che riuscisse a smuovere la coscienza e lo sdegno dei cittadini di Vicenza, che si ritrovano con un importante scorcio di paesaggio cittadino deturpato e pensano di dover subire la cosa, come se tutto fosse stato già deciso.

Beh, noi vogliamo ribadire con forza che non lo è!

E la recente contestazione di tutta l’area (costruita, in costruzione e sulla carta) come “lottizzazione abusiva”, da parte della Procura della Repubblica; il sequestro di una parte (anche se si tratta di una parte per la quale non sono mai stati chiesti i permessi di costruire); l’iscrizione sul registro degli indagati di 17 persone (tra i quali anche l’architetto Gonçalo Nuno De Sousa Byrne, che ha progettato il complesso, alcuni tecnici del Comune e i vertici di Maltauro e Sviluppo Cotorossi), lo testimoniano.

Le 3 associazioni ovviamente non si fermano qui: abbiamo depositato un esposto anche pochi giorni fa per chiedere nuovamente il sequestro di tutta l’area e per ribadire che secondo le date di inizio lavori e proroga dei permessi di costruire, gli stessi risulterebbero irregolari e così per i lavori, che vanno avanti, anche grazie al passaggio dei mezzi, attraverso l’area sequestrata.

Il forte sostegno che abbiamo ricevuto ci ha dato nuova energia per mettere in campo tutto ciò che possiamo perché crediamo ancora che questo caso possa diventare l’esempio per il nostro Paese di cosa non deve essere fatto, ma anche di come si può rimediare.

UN GRAZIE DI CUORE A TUTTI!

Share
Category: ABBATTIAMO GLI ABUSI! | Commenti disabilitati su Abbattiamo gli abusi: fine della campagna di crowdfunding
luglio 13

Borgo Berga, cosa sta succedendo?

Vicenza, 12 luglio 2016

Il 28 giugno sono finalmente stati resi noti i nomi dei 17 indagati che il 12 aprile, si è appreso, sono stati aggiunti al nome di Antonio Bortoli,  all’epoca dei fatti direttore del settore Urbanistica per il Comune di Vicenza, indagato da giugno 2015 per il reato di “abuso di ufficio”.

Tra di essi ci sono anche i nomi dell’architetto Gonçalo Nuno De Sousa Byrne, che ha progettato il complesso, di alcuni tecnici del Comune di Vicenza e dei vertici di Maltauro e Sviluppo Cotorossi.

Continue reading

Share
Category: ABBATTIAMO GLI ABUSI!, Territorio e Suolo | Commenti disabilitati su Borgo Berga, cosa sta succedendo?
luglio 10

Hai ancora poco tempo per donare! Cosa pagheresti per vederlo sparire?

La nostra campagna di crowdfunding “ABBATTIAMO GLI ABUSI! Cosa pagheresti per vederlo sparire?” si chiude oggi, 10 luglio, hai ancora poco tempo per fare una donazione e aiutarci così a sostenere le spese legali per la nostra battaglia contro l’ecomostro di Borgo Berga.

Mai come in questo momento pensiamo che sia importante che la nostra lotta diventi lotta di TUTTI! Troppe norme sono state violate, come lo è stato il paesaggio di uno scorcio importante della nostra città. Borgo Berga deve diventare l’esempio di ciò che non ci possiamo più permettere e siamo ancora in tempo per dire: «abbiamo rimediato», almeno in parte.. Legambiente Vicenza, Italia Nostra e il Comitato Contro gli Abusi Edilizi vogliono restituire a Vicenza la legalità e parte della sua bellezza, AIUTACI ANCHE TU!

Puoi donare direttamente dalla piattaforma

oppure facendo un bonifico al conto corrente:

IT62 F050 1811 8000 0000 0229 145

intestatario LEGAMBIENTE VOLONTARIATO VICENZA

causale “DONAZIONE CAMPAGNA BORGO BERGA”

Share
Category: ABBATTIAMO GLI ABUSI!, Sosteniamo & Partecipiamo | Commenti disabilitati su Hai ancora poco tempo per donare! Cosa pagheresti per vederlo sparire?