gennaio 11

LEGAMBIENTE VICENZA SOSTIENE LA PETIZIONE #ItaliaRipensaci

 
Nell’ambito della Campagna “Italia Ripensaci” tra le iniziative a sostegno del “Trattato di messa al bando delle armi nucleari” firmato all’ONU  il 7.07.2017, MIR/IFOR di Vicenza, Casa Per la Pace di Vicenza, ha organizzato due iniziative.
La prima è una raccolta firme a sostegno del Trattato da inoltrare ai decisori politici: Legambiente Vicenza con altre associazioni vicentine sta sostenendo tale raccolta firme.“Noi, Cittadine e Cittadini italiani, chiediamo al Governo Italiano che ripensi la propria posizione e lo incoraggiamo a firmare e ratificare il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari.Decine di Stati di tutto il Mondo si stanno unendo alla firma e ratifica del Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari, adottato dalle Nazioni Unite il 7 luglio 2017 con 122 voti a favore , 1 contrario e 1 astenuto. Il Governo Italiano ha finora dichiarato che non firmerà questo Trattato.”

Le associazioni vicentine sostenitrici della Campagna sono:

MIR/IFOR di Vicenza, Casa Per la Pace di Vicenza, Movimento Nonviolento, ACLI di Vicenza, Circolo ACLI di Zugliano, Libera (Presidio di Vicenza), ANPI Vicenza, Beati i costruttori di Pace, Commissione Giustizia e pace della Famiglia dei Servi di Maria, Alternativa Nord/Sud per il XXI secolo, Maninpasta – cooperativa sociale di Vicenza, Coordinamento dei Comitati Cittadini, Associazione Papa Giovanni XXIII, Cristiani per la Pace, Movimento gocce di giustizia di Vicenza, Commissione diocesana per la Pastorale Sociale: Lavoro, Giustizia e Pace, Salvaguardia del Creato, Legambiente Vicenza, CGIL Vicenza.

I soci e simpatizzanti interessati a firmare la petizione, che verrà consegnata ai rappresentanti politici a fine gennaio, sono invitati a recarsi presso la sede di Legambiente Vicenza in Piazzale Giusti, 23 a Vicenza, orientativamente nel pomeriggio o concordando un appuntamento telefonicamente o tramite email ai seguenti recapiti:  legambientevicenza@gmail.com – 0444 729001.

Continue reading

Share
Category: NO al nucleare | Commenti disabilitati su LEGAMBIENTE VICENZA SOSTIENE LA PETIZIONE #ItaliaRipensaci
dicembre 12

ASSEMBLEA FESTAMBIENTE PER TUTTI I SOCI DI LEGAMBIENTE

Dopo l’ennesima piovosa edizione l’associazione si è trovata in difficoltà economica ed organizzativa, venendo meno il supporto della segreteria che negli ultimi anni ha permesso non solo l’organizzazione di un festival grande e complesso ma anche tante attività durante l’anno.

Il direttivo in carica ha quindi deciso di convocare un’assemblea anticipata con due scopi: riorganizzare la struttura dell’associazione per tornare ad un modello basato sulle forze volontarie delle persone coinvolte e migliorare il coordinamento dei circoli unendo ulteriormente le forze.

L’assemblea dovrà eleggere tutte le cariche sociali ora dimissionarie: Consiglio Direttivo, Tesoriere, Revisore dei Conti, Presidenza.

Avranno diritto di voto i tesserati dei circoli “Festambiente Vicenza” e “Legambiente Volontariato Vicenza” dell’anno 2017 e 2018 (sarà possibile tesserarsi Sabato 16 stesso).

Si terrà anche una breve relazione economica per raccontare lo stato dell’arte, ma il bilancio non sarà oggetto di votazione perché l’anno fiscale non è ancora terminato e perché lo sarà nella ordinaria assemblea dei soci che si terrà regolarmente entro fine aprile.

Inoltre si chiederà la disponibilità a far parte di un gruppo di lavoro per l’ideazione di Festambiente Vicenza 2018, tale gruppo di lavoro si organizzerà autonomamente e sarà composto da chiunque voglia aiutare ed assumersi responsabilità. Il gruppo di lavoro farà le proposte al Consiglio Direttivo che delibererà sulla fattibilità o meno seguendo principalmente due criteri: coerenza con la mission di Legambiente e sostenibilità economica della proposta.

L’associazione è anche alla ricerca di nuove persone disponibili ad assumersi delle responsabilità e condividere con noi questo percorso entrando a far parte del Consiglio Direttivo, se hai voglia di fare un passo avanti candidati mandando i tuoi riferimenti via mail a info@festambientevicenza.org ed indicando in che ruoli puoi/vuoi dare una mano.

Ecco un po’ di informazioni in più Continue reading

Share
Category: Nostre iniziative, Sosteniamo & Partecipiamo, Tesseramento | Commenti disabilitati su ASSEMBLEA FESTAMBIENTE PER TUTTI I SOCI DI LEGAMBIENTE
dicembre 12

A PADOVA L’ASSEMBLEA DEI CIRCOLI DEL VENETO

Sabato 11 novembre 2017 si è tenuta a Padova l’assemblea dei circoli del Veneto. La riunione si è aperta alle ore 10:00 con la presentazione del libro “Carlo Furlan. Una vita per l’ambiente e per la sua città”. La biografia di un’importante figura per la nostra associazione. Carlo Furlan è stato fondatore di Legambiente Verona e Legambiente Veneto. Il libro è in vendita presso il circolo di Verona.  

È seguito uno spazio dedicato alla comunicazione da parte dei circoli durante il quale è stato presentato lo stato allarmante nel quale si trovano i boschi dell’altopiano di Asiago, causato dal modo con cui gli alberi vengono tagliati. Sono intervenuti per parlare di questo Paolo Bevilacqua del circolo Schio-Valleogra e una socia volontaria che vive nella zona interessata e quindi molto sensibile al tema. La denuncia fa riferimento in particolar modo al Monte Interrotto. La tecnica e il macchinario con cui vengono tagliati gli alberi lasciano tantissimi residui (rami e fogliame) al suolo, anche lungo i sentieri. Il lavoro di manutenzione dei boschi viene affidato dall’amministrazione a ditte forestali locali che però stanno causando veri e propri disastri. I residui lasciati là dai taglialegna, oltre a rovinare il bosco dal punto di vista estetico, impediscono la crescita di qualsiasi vegetale. Il risultato è che ci sono zone in cui non cresce più niente e dove non passa alcuna specie animale. Il circolo di Schio-Valleogra propone allora l’attività “Puliamo il bosco” coinvolgendo giovani e volontari. Continue reading

Share
Category: Nostre iniziative | Commenti disabilitati su A PADOVA L’ASSEMBLEA DEI CIRCOLI DEL VENETO
dicembre 12

PROGETTO CAPTOR: PUBBLICATI I RISULTATI UFFICIALI DEL MONITORAGGIO

 

 

L’ozono troposferico è un inquinante secondario che si forma nelle aree rurali, in presenza di luce solare, in seguito a complesse reazioni chimiche tra gas precursori emessi nelle zone urbane: ossidi di azoto, composti organici volatili, monossido di carbonio o metano.

L’ozono troposferico, oltre ad essere dannoso per l’ambiente, è un gas nocivo per la salute umana in quanto può provocare problemi respiratori, bruciore agli occhi, irritazione a gola e mucose e può causare un incremento delle malattie che colpiscono i polmoni. L’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) ha infatti stabilito che il limite di esposizione delle persone a questo inquinante non deve superare i 100 µg/m3 in un tempo medio di 8 ore. Lo sforamento di tale limite oltre i 25 giorni nell’arco di 3 anni può provocare delle ripercussioni negative sulla salute.

Il Decreto Legge n.155/10 prevede altri due valori soglia: la soglia di informazione e la soglia di allarme. La prima è pari a 180 µg/m3. Superato questo valore, anche nel caso di breve esposizione, emergono rischi per la salute umana per i soggetti più sensibili. Il secondo è pari a 240 µg/m3. L’esposizione a tali valori, anche per breve durata, è rischiosa per chiunque.

Come già preannunciato nel nostro articolo di ottobre, il monitoraggio dell’ozono troposferico a Vicenza è terminato il 15 settembre 2017. Continue reading

Share
Category: Inquinamento e rifiuti | Commenti disabilitati su PROGETTO CAPTOR: PUBBLICATI I RISULTATI UFFICIALI DEL MONITORAGGIO
dicembre 12

EMERGENZA PM10. LA PRINCIPALE FONTE DI INQUINAMENTO E’ IL RISCALDAMENTO DOMESTICO

Come abbiamo scritto nell’articolo del mese scorso  dedicato alla qualità dell’aria, ad ottobre a Vicenza si sono sforati i valori di PM10 ben 16 volte, praticamente un giorno sì e uno no, e per 12 giorni si è raggiunto il valore soglia (come si può vedere dal grafico 1).

Anche se a novembre le piogge hanno abbassato il livello di inquinanti nell’aria continuiamo a respirare aria inquinata con gravi conseguenze per la nostra salute.

Grafico 1: numero di superamenti del valore limite di PM10 (pari cioè a 50 µg/m3) nell’anno 2017 in relazione alle precipitazioni e alle temperature registrati dalla centralina Quartiere Italia (VI). Fonte: dati ARPAV.

Il grafico mette in relazione le concentrazioni di PM10 con la temperatura media mensile e le precipitazioni medie mensili registrate dalla stazione “Quartiere Italia” a Vicenza. Possiamo notare come la quantità di polveri sottili prodotte durante l’anno si concentrino nel periodo invernale mentre d’estate il valore limite di 50 µg/m3 non è mai stato superato. Si può facilmente intuire l’importante ruolo che hanno gli impianti di riscaldamento nella produzione di inquinamento atmosferico. Molto spesso i media e la nostra attenzione si concentrano sui trasporti (smog da camion e autovetture) quando si parla di PM10, tuttavia, non bisogna dimenticare l’incidenza degli impianti termici e delle stufe a legna e a pellet, che ogni anno producono oltre 2 mila tonnellate di polveri sottili.

Secondo quanto emerso da uno studio condotto dal DRIEE (Direzione regionale dell’ambiente e dell’energia francese) un camino acceso per mezza giornata emette la stessa quantità di PM10 emesse da un’auto a gasolio che percorre 3,5 km. Continue reading

Share
Category: Inquinamento e rifiuti | Commenti disabilitati su EMERGENZA PM10. LA PRINCIPALE FONTE DI INQUINAMENTO E’ IL RISCALDAMENTO DOMESTICO